Esami del sangue

Aggregazione Piastrinica


Che cos'è?
È un esame del sangue che serve a verificare la funzionalità delle piastrine e quindi a valutare il processo della coagulazione.

A cosa serve?
Viene prescritto quando si sospettano alcune malattie ematologiche (malattia di Von Willerbrand, di Glanzmann, nella sindrome di Bernard-Soulier) o altre situazioni patologiche in cui può alterarsi il processo di aggregazione piastrinica e quindi di formazione del coagulo (fenomeno di Raynaud). L'esame si esegue dopo un normale prelievo di sangue periferico. L'attività piastrinica viene valutata in vitro inducendo l'aggregazione delle piastrine del paziente tramite l'aggiunta di agenti aggreganti, gli stessi che in vivo sono coinvolti o scatenano la formazione del trombo o del coagulo emostatico. È importante tener presente che l'esame può risultare alterato dopo assunzione di alcuni farmaci tra i quali i più importanti sono l'acido acetilsalicilico (aspirina), alcuni psicofarmaci e farmaci anticolesterolo (clofibrato).