Torna all'archivio
05/05/2017| Allergie primaverili: Assosalute presenta un'indagine

Per molte persone primavera è sinonimo di allergia.

Sono 400 milioni le persone che nel mondo soffrono di rinite allergica e 300 milioni quelle che soffrono di asma. Per 1 italiano su 3 la bella stagione è associata a starnuti, naso chiuso e lacrimazione. Secondo i dati emersi da un’indagine di Assosalute su un campione di mille italiani presentata il 16 Marzo scorso, il 40% degli intervistati dichiara di soffrire di una qualche forma allergica mentre la quota di allergici che soffrono ogni primavera, spesso o sempre, è pari al 19,5% del campione.

LE CAUSE

Le cause dell’allergia sono da ricercare nei pollini, nello stile di vita adottato e nella predisposizione genetica.

I SINTOMI

I sintomi che ne derivano sono vari e possono manifestarsi in modo acuto o cronico. Secondo l’indagine di Assosalute i sintomi più fastidiosi delle allergie sono starnuti (per il 62,1%), prurito agli occhi (57,5%), lacrimazione (47,7%) e naso chiuso (39,4%). Questi fastidi, inoltre, spesso limitano gli impegni quotidiani: quasi il 45% degli intervistati ha dichiarato di non dormire bene la notte, il 32,5% di avere difficoltà a concentrarsi e, soprattutto i giovani affermano di “sentirsi malati”.

I RIMEDI

I rimedi per limitare i sintomi sono molteplici e vanno dalle buone pratiche da adottare fino ai metodi naturali.

Fra le buone pratiche rientrano tenere porte e finestre chiuse il più possibile, fare areare la casa nelle ore serali e mettere a lavare i vestiti utilizzati durante il giorno.

Anche il cibo riveste un ruolo importante nell’alleviare le allergie stagionali. Sottaceti e crauti, ad esempio, hanno un effetto protettivo.

 

Torna all'archivio